Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Anche gli ultimi
fanno la storia

· Il Papa a studiosi della Chiesa ·

Anche gli umili, gli ultimi, sono «attori della storia». È quanto sottolineato da Papa Francesco nel discorso ai partecipanti al convegno triennale dell’Associazione italiana dei professori di storia della Chiesa, riunitisi alla Lumsa per fare il punto sulle attività di ricerca e divulgazione nel post-Concilio.

Ricevendoli in Vaticano sabato mattina, 12 gennaio, il Pontefice — dopo aver ricordato una nota boutade del gesuita Giacomo Martina per cui «la storia è certamente maestra di vita, ma ha anche pochi allievi» — ha tracciato il profilo ideale dello storico credente: uno studioso, ha detto, «ancora più rispettoso dei fatti e della verità, delicato e attento nella ricerca, coerente testimone nell’insegnamento». Una persona, ha aggiunto, lontana «da tutte le mondanità legate alla presunzione di sapere, come la bramosia della carriera o del riconoscimento accademico, o la convinzione di poter giudicare da sé fatti e persone». Con l’ulteriore raccomandazione che «la capacità di intravvedere la presenza di Cristo e il cammino della Chiesa nella storia ci rendono umili e ci tolgono dalla tentazione di rifugiarci nel passato per evitare il presente».

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

23 maggio 2019

NOTIZIE CORRELATE