Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Amico Francesco

· Franco Zeffirelli parla del libro che vuole regalare al Papa ·

«È stata una sciocchezza non farlo prima» sbotta Franco Zeffirelli, con quel piglio brusco, tipicamente toscano, di chi considera l’autoindulgenza e la mancanza di ironia come un peccato mortale. Il regista fiorentino sta raccontando al nostro giornale come è nata l’idea del progetto a cui sta lavorando: un libro su Francesco d’Assisi da regalare al Papa.

«Mi sono detto: non hai fatto abbastanza, non hai valorizzato abbastanza tutto questo materiale voluto, scritto, ragionato, queste immagini. E non parlo solo di me, ovviamente; scopriremo sempre di più nel tempo il debito che abbiamo con il cinema. Poca gente ha creduto nella forza dell’immagine religiosa del divino». Le immagini a cui fa riferimento Zeffirelli sono quelle di Fratello sole, sorella luna il film che ha girato tra il 1971 e il 1972, con Graham Faulkner, Judi Bowker, Adolfo Celi, Valentina Cortese e uno straordinario Alec Guinness nelle vesti di Papa Innocenzo iii; nella colonna sonora, la celeberrima Dolce sentire era cantata da un un giovanissimo Claudio Baglioni.

La notizia di un regalo al Papa da parte di Zeffirelli circolava già da un po’ di tempo, diffusa da Sandro Bennucci, neo direttore di Firenze Post; le pagine saranno dedicate soprattutto ai fotogrammi più “pittorici” del film, mentre i testi saranno curati da Francesco Alberoni. La prima copia sarà stampata probabilmente entro giugno, per permettere al suo autore di donarla direttamente al Papa, «Ma magari il 29, nella festa dei santi Pietro e Paolo». In un momento particolarmente difficile della sua vita, vedendo «con quanto vigore porta avanti il nome di Francesco» è tornato il desiderio di raccontare con le immagini la vita del Poverello di Assisi. L’idea di andare dal Papa con questo libro sta portando nuove energie e nuovo entusiasmo a Zeffirelli. Che racconta la storia di un progetto molto amato, ma modificato completamente da un imprevisto, un grave incidente stradale. Alla fine degli anni Sessanta, nell’idea del regista, non doveva essere un film ma un musical, interpretato dai Beatles, ma il progetto sfumò. «Non so prescindere da san Francesco d'Assisi - spiga Zeffirelli - per me è un amico».

Silvia Guidi

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

23 maggio 2018

NOTIZIE CORRELATE