Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Amiche

Per molti secoli l’amicizia è stata considerata un fatto soltanto maschile, un sentimento “alto”, catartico, che elevava lo spirito: Achille e Patroclo, Eurialo e Niso, ma anche Davide e Gionata, la letteratura e lo stesso testo biblico ce ne offrono esempi famosi. Le donne ne restavano rigorosamente escluse, la loro amicizia non era degna di nota, né di essere raccontata, sublimata nei poemi e nei canti. 

Umberto Boccioni«Tre donne» (1909-1910)

Anche quando il cristianesimo introdusse una concezione più egualitaria del rapporto tra i generi, filosofi e letterati continuavano a dipendere dalla grande tradizione classica in cui, soprattutto nel mondo greco, erano solo gli uomini a nobilitare nelle scuole e nei simposi i loro affetti rigorosamente maschili. Uno spazio alle amicizie femminili si apriva però nei conventi, sia nella sorellanza delle monache sia in casi eccezionali di legami tra donne fuori dall’ordinario, che restano affidati alla loro corrispondenza, come quello di Chiara d’Assisi e Agnese di Praga qui analizzato da Gabriella Zarri.

La rivalutazione delle amicizie femminili, al di là degli stereotipi sulla superficialità delle donne, e l’interpretazione dei loro legami in termini di “affinità elettive”, di innalzamento spirituale e culturale, non datano da molto e non sono forse ancora del tutto compiute. Questo numero cerca di cogliere alcuni momenti di questo riconoscimento: oltre a Chiara d’Assisi, le amicizie spirituali di Chiara Lubich con le sue compagne; il legame nell’orrore del lager fra due donne eccezionali, Grete Buber-Neumann e Milena Jesenska, la Milena di Kafka; le amicizie femminili attraverso l’immagine cinematografica, una finestra straordinaria che ne svela non direi tanto le ombre quanto le ambiguità con cui sono tuttora percepite dallo sguardo maschile. Nell’insieme, un’immagine delle amicizie tra donne che nulla ha da invidiare alla forza creatrice delle amicizie maschili: una forza irresistibile, capace di reggere il mondo e di cambiarlo. (anna foa)

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

26 maggio 2019

NOTIZIE CORRELATE