Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Altro
che ambiguità

· Nell’esortazione postsinodale «Amoris laetitia» ·

Sull’ultimo numero del settimanale spagnolo «Vida Nueva» il cardinale arcivescovo emerito di Pamplona y Tudela dedica un commento all’esortazione apostolica postsinodale Amoris laetitia. Pubblichiamo una nostra traduzione dell’articolo.

Sinceramente non capisco come menti così illustri possano dire che l’esortazione di Francesco sulla famiglia è ambigua. Dice chiaramente ciò che vuole dire. Il fatto è che dice quello che alcuni non possono accettare perché non lo capiscono.

Il Papa ripete varie volte la dottrina cattolica sul matrimonio e sulla famiglia. Insiste sul carattere istituzionale e irrevocabile del matrimonio. Spiega magnificamente perché quest’ultimo, essendo un’istituzione dell’ordine della creazione, è al tempo stesso sacramento, segno e strumento dell’unione con Cristo e della grazia di Dio, alleanza di amore irrevocabile, cammino di purificazione e di santificazione. Presenta la sua indissolubilità come un dono di Dio mediante il quale i coniugi riescono a essere l’uno per l’altro segno e presenza dell’amore irrevocabile e fedele di Dio per ognuno di noi. Ma, al tempo stesso, il Papa pensa ai molti cristiani e non cristiani che non percepiscono la grandezza del matrimonio e neppure il suo valore umano e religioso; e pensa anche ai molti cristiani che hanno fallito nel loro matrimonio, si sono rifatti una vita come hanno potuto e, al tramonto della loro esistenza, desiderano riconciliarsi con Dio e con la Chiesa.

Che cosa facciamo di loro? Li mandiamo all’inferno? Di fronte a ciò, il Papa raccomanda attenzione e misericordia. Le situazioni personali sono molto diverse. Non bastano le norme generali o le assoluzioni generali, ma neppure le condanne generali. Occorre tener conto delle circostanze concrete, attenuanti o aggravanti, che possono esserci in ogni storia. Anche la questione delle circostanze attenuanti è dottrina tradizionale della Chiesa. Ce lo hanno sempre insegnato così. Ma ora il Papa ci invita ad applicare questa dottrina di sempre alla vita matrimoniale, tenendo conto della confusione in cui molte persone vivono i temi della sessualità e del matrimonio.

Ciò non è ambiguità, bensì realismo e misericordia e, se insisteste, giustizia.

di Fernando Sebastián Aguilar

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

25 aprile 2018

NOTIZIE CORRELATE