Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Altri sessanta anni
per sconfiggere la miseria

· Aumenta nel mondo il divario tra ricchi e poveri ·

Il crescente divario tra ricchi e poveri sta vanificando la lotta alla povertà estrema. 

Una giovane nigeriana (Afp)

Questa la tesi che emerge da un recente rapporto di Oxfam (la rete di diciasette ong che lavorano con tremila partner in più di cento Paesi) sulla diseguaglianza economica globale. Nel mondo sette persone su dieci vivono in Paesi in cui il divario tra ricchi e poveri è maggiore rispetto a trent’anni fa. Dal 2009 — sottolinea il rapporto — il numero di miliardari nel mondo è più che raddoppiato, mentre 805 milioni di persone ancora soffrono la fame. Perfino in Africa, dove la regione subsahariana conta 358 milioni di persone in condizioni di povertà estrema, prosperano sedici miliardari. Se il continente continuerà a crescere agli attuali ritmi, ci vorranno più di sessant’anni per portare la povertà al di sotto del tre per cento. E un’analisi molto simile va fatta anche per molte altri parti del mondo.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

16 dicembre 2019

NOTIZIE CORRELATE