Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Disordini e morti
in Venezuela

· Altre due vittime nelle proteste ·

Manifestante dell’opposizione durante gli scontri a Caracas (Epa)

Due persone sono state uccise nelle ultime ore in Venezuela durante le proteste contro il governo presieduto da Nicolás Maduro. Un diciassettenne venezuelano è morto in una manifestazione nello stato di Carabobo, nel nord del paese. E un candidato all’Assemblea costituente è stato ucciso durante un meeting politico a Maracay, capitale dello stato di Aragua, sempre nel nord. La notizia che riguarda il diciassettenne è stata data dal deputato dell’opposizione, Marco Bozo Tamayo, che ha identificato la vittima come Rubén Darío González Jiménez, morto dopo essere stato «raggiunto da una pallottola» a Valencia, capitale dello stato di Carabobo e terza città più importante del paese. Tamayo ha dato la notizia della morte di González attraverso la piattaforma Twitter, dove stava informando sullo svolgimento della giornata nazionale di blocchi stradali convocata dall’opposizione, denunciando la forte repressione da parte della Guardia nazionale. Il candidato alla costituente, invece, è stato ucciso mentre si apprestava a pronunciare un discorso pubblico. Secondo le prime ricostruzioni qualcuno tra i presenti al comizio gli ha sparato. José Luis Rivas Aranguren era il presidente del Fronte motociclisti José Leonardo ed era in lista per le elezioni del prossimo 31 luglio. Sale così a novantaquattro il numero delle vittime dall’inizio dell’ondata di protesta antigovernativa, nell’aprile scorso. Sul fronte legale il procuratore generale del Venezuela, Luisa Ortega Díaz, ha accusato formalmente Vladimir Lugo, l’ufficiale della guardia nazionale responsabile della sicurezza della sede del parlamento di Caracas, di violazioni gravi e sistematiche dei diritti umani. Immagini riprese durante l’attacco lanciato lo scorso 5 luglio dai militanti chavisti contro l’Assemblea nazionale mostrano che Lugo, presente nella sede parlamentare, non è intervenuto per fermare le aggressioni contro deputati dell’opposizione. 

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

19 novembre 2019

NOTIZIE CORRELATE