Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Altissima tensione in Libia

· Dopo l’offensiva lanciata dal generale Haftar contro le milizie islamiche ·

Ancora una notte di estrema tensione nella capitale libica, a tre giorni dall’assalto al Parlamento: Tripoli è stata infatti scossa da diverse esplosioni, e in alcune zone si sono registrati nuovi combattimenti. In particolare, secondo quanto reso noto oggi dal ministero della Difesa libico, almeno quattro razzi del tipo Grad sono caduti sul quartiere di Salaheddin, nei pressi della base militare di Al Yarmouk. Scontri a fuoco, stando a quanto riferito dall’emittente televisiva statale, sono inoltre avvenuti lungo la via che conduce all’aeroporto internazionale, una trentina di chilometri a sud del centro. Diversa invece è la situazione a Bengasi: calma relativa anche se i miliziani islamici sono rimasti in stato di allerta, in attesa di un nuovo attacco da parte delle truppe agli ordini del generale a riposo Khalifa Haftar.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

19 settembre 2019

NOTIZIE CORRELATE