Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Alleanza cruciale

· All’udienza generale Papa Francesco parla del legame tra famiglia e comunità cristiana ·

Per contrastare i centri di potere ideologici, finanziari e politici

C’è bisogno di un’alleanza tra famiglia e parrocchia per contrastare «i centri di potere ideologici, finanziari e politici» che influenzano oggi la vita sociale. Lo ha detto Papa Francesco all’udienza generale di mercoledì 9 settembre, in piazza San Pietro.

Proseguendo nel ciclo di catechesi dedicate alla famiglia, il Pontefice si è soffermato sul «legame naturale» di quest’ultima con la comunità cristiana. E ha ricordato in proposito che «la Chiesa è una famiglia spirituale e la famiglia è una piccola Chiesa». Già nei Vangeli — ha fatto notare — appare evidente che «l’assemblea di Gesù ha la forma di una famiglia, e di una famiglia ospitale, non di una setta esclusiva, chiusa». In essa trovano posto «l’affamato e l’assetato, lo straniero e il perseguitato, la peccatrice e il pubblicano, i farisei e le folle». E il Signore «non cessa di accogliere e di parlare con tutti»: una «lezione forte per la Chiesa», ha sottolineato Francesco, rimarcando che anche oggi «è indispensabile ravvivare l’alleanza tra la famiglia e la comunità cristiana».

Per il Papa sono questi, infatti, «i due luoghi in cui si realizza questa comunione d’amore che trova la sua fonte ultima in Dio stesso». Del resto, «una Chiesa davvero secondo il Vangelo non può che avere la forma di una casa accogliente, con le porte aperte, sempre». E quando «le chiese, le parrocchie, le istituzioni» hanno le porte chiuse — ha rimarcato il Pontefice — «non si devono chiamare chiese, si devono chiamare musei».

Rafforzare il legame tra famiglia e comunità cristiana è dunque «indispensabile e urgente». E richiede «una fede generosa» in grado di suscitare «l’intelligenza e il coraggio per rinnovare questa alleanza». Da qui l’invito a non cedere allo scoraggiamento, riscoprendo la fiducia nel Signore e la consapevolezza che famiglia e parrocchia insieme possono realizzare «il miracolo di una vita più comunitaria per l’intera società».

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

06 dicembre 2019

NOTIZIE CORRELATE