Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Alle radici della crisi ecologica

· Messaggio di Bartolomeo ·

Il recente incontro nell’isola di Lesbo e la pubblicazione dell’enciclica Laudato sì’ sono al centro del messaggio che il patriarca Bartolomeo ha fatto pervenire a Papa Francesco alla vigilia della solennità dei santi Pietro e Paolo. 

Nel messaggio, consegnato durante l’udienza di martedì 28 a una delegazione del patriarcato, Bartolomeo sottolinea la convinzione che “i nostri sforzi comuni e le nostre iniziative riguardo alle sfide globali del presente continueranno, poiché sono una buona testimonianza per la Chiesa di Cristo al servizio dell’umanità e del mondo, e al tempo stesso manifestano e rafforzano la nostra responsabilità spirituale dinanzi alle sfide attuali per il bene del mondo cristiano e di tutta l’umanità”.

“Santità e caro Fratello, siamo stati benedetti come custodi di tradizioni preziose di amore divino e carità umana, eredi anche di verità fondamentali appartenenti agli esseri umani come cittadini del mondo e cittadini del cielo, che abbiamo il dovere di preservare nella loro integrità, rimanendo fedeli al Signore che non è venuto per essere servito, ma per servire (Mt 20, 28), come anche ai venerabili fondatori delle Chiese di Roma e di Costantinopoli, i fratelli Pietro e Andrea, che hanno suggellato la loro testimonianza della Sua verità sulla croce, in un modo degno di Cristo. I nostri sforzi sono alimentati da questa sorgente infinita per il progredire del cammino verso la desiderata unità delle nostre Chiese. Il dialogo che continua tra la Chiesa ortodossa e la santissima Chiesa di Roma è un ambito che produce conoscenza teologica, esperienza ecumenica e arricchimento reciproco. I testi di questo dialogo di verità confermano i nostri modelli cristiani comuni ed esprimono la nostra fede secondo cui la Verità della Chiesa è una persona, ovvero il Verbo di Dio che si è fatto carne, ha sofferto ed è risorto. Il dialogo nella Verità implica dire la verità nella carità (cfr. Ef 4, 15), ‘rimanere’ nell’amore (cfr. Gv 15, 9) come vincolo di perfezione (Col 3, 14)”.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

16 luglio 2019

NOTIZIE CORRELATE