Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Alla scuola di Teresa e Giovanni

· Ad Avignone la beatificazione del carmelitano scalzo Maria Eugenio di Gesù Bambino ·

Folgorato dalla piccola via e dalla spiritualità di santa Teresa di Lisieux, padre Maria Eugenio di Gesù Bambino ha cercato di portare le persone a Dio. Lo ha fatto anche attraverso la fondazione dell’Istituto Notre Dame de Vie, con il quale ha saputo proporre una sintesi equilibrata tra le dimensioni dell’ordine del Carmelo, la contemplazione e l’apostolato. Il carmelitano scalzo francese viene beatificato nel parco delle esposizioni di Avignone, in Francia, sabato mattina, 19 novembre, dal cardinale Angelo Amato, prefetto della Congregazione delle cause dei santi, in rappresentanza di Papa Francesco.

Padre Maria Eugenio (al secolo Henri Grialou) nasce il 2 dicembre 1894 ad Aveyron in diocesi di Rodez, al centro della Francia. Ha 13 anni quando scopre gli scritti della piccola Teresa di Gesù Bambino, non ancora beatificata, che diventa per lui un riferimento nel suo itinerario spirituale. Legge e rilegge la Storia di un’anima e scrive a un amico seminarista: «Nessun libro ha mai fatto tanta presa su di me come quello. Non trovo parole per esprimerlo. È stupendo». Più tardi confiderà sempre all’amico: “Santa Teresa di Gesù Bambino è, per così dire, un’amica d’infanzia che ha vissuto accanto a noi e, mano a mano che crescevamo, ci faceva delle confidenze, ci mostrava i segreti della sua anima». Per diffondere il messaggio carmelitano della misericordia, Maria Eugenio ha anche ricevuto il carisma di fondatore. Nel 1932, alcune giovani donne si sono dichiarate disponibili a rispondere, nella solitudine, alla loro sete di contemplazione e a lasciarsi afferrare dallo Spirito Santo, inserendosi poi nel mondo, in mezzo alla gente in tutti gli ambiti, per dare una testimonianza del Dio vivente. Così è nata a Venasque, vicino ad Avignone (Francia), l’esperienza di Notre Dame de Vie, istituto secolare di diritto pontificio dal 1962, con un ramo femminile, uno maschile laico e uno sacerdotale, i cui circa seicento membri sono sparsi in quattro continenti, 

di Louis Menvielle

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

21 marzo 2019

NOTIZIE CORRELATE