Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Alla ricerca di una pace durevole

· All’arrivo in Giordania il Papa esprime apprezzamento per le iniziative di accoglienza e di dialogo ·

Con un apello per la pace in tutto il Medio Oriente Papa Francesco ha inziato il suo viaggio in Terra Santa sulle orme dei predecessori. Durante la cerimonia di benvenuto in Giordania, rispondendo al saluto del re Abdullah ii, il Pontefice ha sottolineato la generosa opera svolta dal Paese in favore dei rifugiati “palestinesi, iracheni e provenienti da altre aree di crisi, in particolare dalla vicina Siria, sconvolta da un conflitto che dura da troppo tempo”.

“Mentre con dolore constato la permanenza di forti tensioni nell’area medio-orientale – ha detto il Pontefice – ringrazio le Autorità del Regno per quello che fanno e incoraggio a continuare ad impegnarsi nella ricerca dell’auspicata durevole pace per tutta la Regione; a tale scopo si rende quanto mai necessaria e urgente una soluzione pacifica alla crisi siriana, nonché una giusta soluzione al conflitto israeliano-palestinese”.

“Rivolgo infine uno speciale augurio per la pace e la prosperità del Regno di Giordania e del suo popolo – ha concluso il Papa – con l’auspicio che questa visita contribuisca ad incrementare e promuovere buone e cordiali relazioni tra Cristiani e Musulmani. E che il Signore Dio ci difenda tutti da quella paura del cambiamento alla quale Sua Maestà ha fatto riferimento”.

Il testo integrale del discorso del Papa

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

26 marzo 2019

NOTIZIE CORRELATE