Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Alla ricerca dei segni di Dio in un mondo distratto

· Primo tweet lanciato da Benedetto XVI al termine dell'udienza generale nell'Aula Paolo VI ·

«Cari amici, è con gioia che mi unisco a voi via Twitter. Grazie per la vostra generosa risposta. Vi benedico tutti di cuore». Al termine dell’udienza generale di mercoledì mattina, 12 dicembre, da un tablet offertogli da quattro giovani, Benedetto XVI ha lanciato il suo primo «cinguettio» nella rete dall’account @pontifex, dove i followers sono già più di un milione.

Un gesto spiegato indirettamente durante la catechesi, quando il Pontefice ha sottolineato che «Dio non si è tolto dal mondo, non è assente, ma ci viene incontro in diversi modi, che dobbiamo imparare a discernere». E tra i gli spazi in cui è possibile scorgere i segni della presenza di Dio nel mondo ci sono anche i nuovi strumenti che la tecnologia mette a disposizione per comunicare, soprattutto nell’ambiente dei giovani.

Nella sua riflessione, tutta dedicata al tempo dell’Avvento, il Papa era partito dalla premessa che Dio manifesta il suo volto in Gesù di Nazaret e chiede la decisione dell’uomo di riconoscerlo e di seguirlo: «Il rivelarsi di Dio nella storia — ha detto in proposito —  per entrare in rapporto di dialogo d’amore con l’uomo, dona un senso nuovo all’intero cammino umano». E  in tal modo «la storia non è un semplice succedersi di secoli, ma il tempo di una presenza che apre a una solida speranza». Da qui l’invito di Benedetto XVI, soprattutto in questo Anno della fede, a riprendere «in mano sempre più spesso la Bibbia per leggerla e meditarla, e a prestare maggiore attenzione alle Letture della messa domenicale». Del resto, per i cristiani la parola Avvento «indica una realtà meravigliosa e sconvolgente: Dio ha varcato il suo Cielo e si è chinato sull’uomo; ha stretto alleanza con lui entrando nella storia». Ecco allora che il tempo liturgico in preparazione al Natale «ci ricorda sempre di nuovo» questa presenza divina nelle vicende umane; perciò anche noi «con la nostra fede, la nostra speranza e la nostra carità, siamo chiamati ogni giorno a scorgere e a testimoniare questa presenza, nel mondo spesso superficiale e distratto».

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

16 ottobre 2019

NOTIZIE CORRELATE