Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Al Shabaab assalta un hotel a Mogadiscio

· L’incursione ha provocato ventidue morti e almeno trenta feriti ·

Sono almeno ventidue le vittime e non meno di trenta i feriti nell’attacco di ieri sera contro l’hotel Somali Youth League (Syl) nel centro di Mogadiscio, di fronte al palazzo presidenziale. Lo ha riferito un portavoce del Governo. Il gruppo somalo Al Shabaab — legato sia ai terroristi di Al Qaeda sia ai miliziani del cosiddetto Stato islamico (Is) — ha rivendicato la responsabilità dell’attacco che è avvenuto nel centro della capitale nonostante le rigide misure di sicurezza.

Come hanno riferito funzionari e testimoni, alcuni uomini hanno lanciato due autobombe, una nei pressi di un adiacente giardino pubblico e l’altra contro l’ingresso dell’hotel, quindi hanno fatto irruzione nell’albergo ingaggiando una violenta sparatoria con le forze di sicurezza.

Le esplosioni sono state molto violente e hanno interessato almeno venticinque edifici della zona, tra cui case, ristoranti e alberghi. Diversi corpi sono stati recuperati sotto le macerie dalle squadre di soccorso. L’hotel Syl, si trova vicino al palazzo presidenziale e ospita funzionari governativi, professionisti e cittadini stranieri. L’anno scorso, i terroristi di Al Shabaab avevano già preso di mira lo stesso albergo mentre alcuni delegati turchi si stavano preparando per la visita del presidente Recep Tayyip Erdogan. Quindici persone, tutte somale, erano rimaste uccise.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

12 dicembre 2017

NOTIZIE CORRELATE