Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Al lavoro
come sempre

· Al regno di Elisabetta II il primato di longevità nella storia britannica ·

«Siamo consapevoli che si tratta di una data storica, ma si lavorerà come al solito». Questo semplice annuncio fatto di recente da Buckingham Palace è tipico dell’intero regno di uno dei monarchi più notevoli che si sia mai seduto su un trono. Tuttavia quella data non segnerà un giorno “normale”, bensì una pietra miliare davvero eccezionale. Il 9 settembre di quest’anno, sua maestà la regina Elisabetta II batterà il record di 63 anni e 216 giorni stabilito dalla sua trisnonna, la regina Vittoria, diventando il monarca dal regno più lungo della storia britannica.

La regina Elisabetta II

Vittoria stabilì il suo record il 23 settembre 1896. Nel suo diario scrisse: «Oggi è il giorno in cui ho regnato un giorno più a lungo rispetto a qualsiasi altro sovrano inglese». Il sovrano al quale pensava era suo nonno Giorgio II, che regnò dal 1760 al 1820. Prima del suo, il regno più lungo nella storia britannica era stato quello di Giacomo VI di Scozia, in seguito divenuto Giacomo I d’Inghilterra: fu re di Scozia per 57 anni, dal 1567 al 1625 (divenne re d’Inghilterra e quindi della Gran Bretagna solo nel 1603). Vittoria trascorse la giornata tranquillamente, nella sua residenza scozzese, il castello di Balmoral, intrattenendo l’ultimo zar e la zarina di Russia. Ed è lì che, tranquillamente, trascorrerà la giornata anche la regina Elisabetta II, il cui regno è il più lungo tra quelli dei quarantuno re e regine d’Inghilterra e di Gran Bretagna dopo la conquista normanna.

Non c’è alcun dubbio che la regina trascorrerà almeno parte della giornata a esaminare i documenti di Stato ufficiali, come ha fatto ogni giorno da quando, a 25 anni, è diventata regina dopo la morte di suo padre re Giorgio VI, avvenuta nelle prime ore del 6 febbraio 1952. «Elisabetta la brava, Elisabetta la diligente», l’ha definita uno storico, e il dovere e il servizio alla nazione sono stati il segno distintivo del suo regno. Per oltre 63 anni è rimasta fedele alle parole pronunciate all’inizio: «Mi sono impegnata con sincerità al vostro servizio, così come tanti di voi sono impegnati al mio. Per tutta la vita e con tutto il cuore cercherò di essere degna della vostra fiducia».

Come Vittoria, ha rappresentato un segno di continuità mentre il Paese è cambiato e si è modernizzato. Ha servito attraverso il XX secolo, passando per il millennio, fino al XXI secolo. Come principessa Elisabetta ha presenziato agli austeri Giochi olimpici che si sono svolti a Londra, nel 1948, dopo la seconda guerra mondiale. Come regina, ha celebrato il suo giubileo di diamante nell’anno delle Olimpiadi di Londra 2012. Il suo primo premier britannico è stato sir Winston Churchill, che aveva combattuto in Sud Africa nella guerra dei boeri. L’ultimo, David Cameron, dodicesimo del suo regno, è nato 14 anni dopo la sua ascesa al trono. Il primo ministro continua la prassi seguita da tutti i suoi predecessori dell’udienza settimanale con la regina, durante la quale la monarca ascolta, ma incoraggia anche e aiuta a guidare. Oggi non esiste figura politica con più esperienza al mondo.

Per molti è “la regina d’Inghilterra”, o più semplicemente “la regina”. Il suo titolo ufficiale è Elisabetta II, Dei Gratia Britanniarum Regnorumque Suorum Ceterorum Regina, Consortionis Populorum Princeps, Fidei Defensor. Tuttavia è bene ricordare che oltre a ciò è anche regina del Canada, dell’Australia, della Nuova Zelanda e di altri 12 regni, dalle Isole Salomone nel Pacifico alla Giamaica nei Caraibi. È capo del Commonwealth delle Nazioni, che comprende 53 Stati indipendenti in tutto il mondo, per la maggior parte antichi membri dell’impero britannico. Per giunta è guida suprema di Fiji, duca di Normandia a Guernsey, Jersey e l’Isola di Man, nonché capo sovrano del molto venerabile Ordine dell’Ospedale di San Giovanni di Gerusalemme, equivalente anglicano del Sovrano Militare Ordine di Malta.

Inoltre, cosa importante, è governatore supremo della Chiesa d’Inghilterra. Di fatto, si potrebbe dire della regina Elisabetta II che la fede cristiana ha sorretto la sua vita, il suo servizio e il suo regno. Lei stessa lo ha ammesso nel suo messaggio di Natale nell’anno del millennio: «Per molti di noi, ciò in cui crediamo è di fondamentale importanza. Per me gli insegnamenti di Cristo e la mia responsabilità personale dinanzi a Dio costituiscono la cornice nella quale cerco di condurre la mia vita. Anch’io, come tanti di voi, in tempi difficili ho tratto grande conforto dalle parole e dall’esempio di Cristo».

È un regno che ha assistito a progressi tecnologici straordinari, sconvolgimenti politici e sviluppi culturali. I suoi primi anni da regina sono stati caratterizzati dal costante smantellamento dell’impero britannico quando una serie di Paesi, dal Ghana alla Malesia, hanno ottenuto la loro indipendenza. Per molti aspetti, il 1952, anno in cui è salita al trono, è stato testimone di un mondo da lungo scomparso. La terra era abitata da poco più di 2,6 miliardi di persone. Attraverso l’Europa era stata tirata la cortina di ferro, che non sarebbe stata tolta per altri 37 anni. Re Farouk d’Egitto fu rovesciato. Il premio Nobel per la pace fu vinto dal teologo e filosofo luterano Albert Schweitzer (al quale la regina ha conferito l’Ordine al Merito nel 1955). Truman era presidente degli Stati Uniti. Era Papa Pio XII e il concilio Vaticano ii era molto di là da venire.

La sua prima visita di Stato da regina nella Santa Sede, con al fianco, come sempre, il duca d’Edimburgo, si è svolta nel 1960, con Papa Giovanni XXIII, ora santo. Quella più recente si è svolta nel 2014, con Papa Francesco. Il suo regno ha assistito a progressi straordinari nelle relazioni ecumeniche, inconcepibili quando è iniziato. L’arcivescovo di Canterbury è un ospite abituale in Vaticano, ma la prima visita di questo genere dopo la riforma non è avvenuta che nel 1960. L’incontro dell’arcivescovo con il Papa aveva senz’altro ricevuto la previa approvazione della regina che, in occasione di una visita a Lambeth Palace durante il suo Giubileo di diamante, ha spiegato in modo chiaro la sua visione del ruolo della Chiesa d’Inghilterra: «Il concetto della nostra Chiesa costituita talvolta viene frainteso e, ritengo, spesso non abbastanza apprezzato. Il suo ruolo non è quello di difendere l’anglicanismo fino a escludere altre religioni. Anzi, la Chiesa ha il dovere di proteggere la libera pratica di tutte le fedi in questo Paese. Certamente fornisce un’identità e una dimensione spirituale ai suoi numerosi fedeli. Tuttavia, ha anche creato, in modo graduale e certo, un ambiente che consente ad altre comunità di fede, e perfino alle persone prive di fede, di vivere liberamente. Inserita nel tessuto di questo Paese, la Chiesa ha contribuito a costruire una società migliore, cooperando sempre più attivamente con gli appartenenti ad altre confessioni per il bene comune».

Fede, servizio, saggezza e dovere sono stati i leitmotiv del suo regno. Queste virtù ricordano e confermano la natura sacrale della sua incoronazione nell’abbazia di Westminster nel 1953, definita «un grande atto di comunione nazionale». Per molti aspetti, il monarca appartiene alla nazione, ed è una cosa che la regina Elisabetta ha compreso in tutto il suo lungo regno.

Inevitabilmente, adesso molte persone la stanno paragonando alla regina Vittoria. La gente spesso parla di un’“età elisabettiana”, con chiaro riferimento all’epoca vittoriana. Uno dei motivi per cui il 9 settembre 2015 «si lavorerà come al solito» è che la regina desidera evitare simili paragoni per rispetto alla sua predecessora. È però difficile. Dopotutto, fu Lord Palmerston a dire, parlando della giovane principessa Vittoria: «Solo poche persone hanno avuto occasioni per formarsi un giudizio corretto sulla principessa; ma sono incline a pensare che si rivelerà una persona notevole, e dotata di molta forza di carattere». Si sarebbe potuto dire lo stesso della regina attuale.

Nigel Baker 
Ambasciatore della Gran Bretagna presso la Santa Sede

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

22 maggio 2019

NOTIZIE CORRELATE