Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Al confine

· Storie dalla barriera tra Stati Uniti e Messico ·

Duemilasettecentotrenta chilometri separano Tepaltepec da Tijuana dove, davanti un piccolo obelisco, finisce il Messico. Non è possibile andare oltre neppure con lo sguardo. Il mondo, per chi viene da sud, finisce qui. 

Davanti a quattro metri di lamiere metalliche arrugginite, in fondo all’avenida Pacifico e nel Friendship Park di Tijuana. L’imponente barriera di sicurezza tra Stati Uniti e Messico, chiamata dagli americani “muro messicano” e dai messicani “muro della vergogna”, si apre come una crepa profonda che parte dal punto più occidentale del confine (i primi piloni spuntano nell’oceano) dividendo la città di San Diego e di Tijuana, per poi proseguire verso est, allungandosi tra le città di El Paso e Ciudad Juárez. La costruzione si sviluppa lungo 930 chilometri non consecutivi, intervallati da confini naturali, filo spinato e zone dove sono presenti sensori elettrici e recinzioni. Il Friendship Park dista poche decine di metri dai primi piloni in mare; il muro taglia in due anche la spiaggia che si affaccia su entrambi i territori. Solo il rumore delle onde che sbattono incessanti sulle lamiere interrompono il silenzio. Inaugurato negli anni Settanta, dalla first lady Pat Nixon, il Friendship Park è divenuto in poco tempo il punto d’incontro dove i migranti residenti negli Stati Uniti possono sfiorare una carezza attraverso una rete con i loro cari rimasti o arrivati per l’occasione a Tijuana. Se c’è un luogo che racconta meglio di altri il dolore della barriera tra il Messico e gli Stati Uniti, questo luogo è senza dubbio il Friendship Park. Negli anni Novanta fu costruita la prima barriera in lamiera per dividere l’area metropolitana di Tijuana da quella di San Diego ma, proprio a ridosso del Friendship Park, si è scelto di usare una trama metallica più larga, in modo che i migranti potessero condividere con i propri cari qualche ora di normalità creando di fatto un passaggio tra mondi che si incontrano.

di Silvina Pérez

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

25 giugno 2018

NOTIZIE CORRELATE