Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Al centro il Nicaragua

· Nel vertice iberoamericano ad Antigua ·

Manifestazione antigovernativa  in Nicaragua

Il Nicaragua, il flusso dei migranti e la crisi in Venezuela sono i temi centrali del 26° Vertice iberoamericano che si chiude oggi ad Antigua, storica città del Guatemala. Sullo sfondo delle crisi della regione, i partecipanti si confrontano sul tema «Una iberoamerica prospera, inclusiva e sostenibile», ispirato all’agenda 2030 delle Nazioni Unite.

Il presidente nicaraguense, Daniel Ortega, è deciso a presentare la situazione del suo paese come normalizzata. Secondo il leader sandinista le proteste in corso da mesi, che hanno provocato centinaia di morti, sono state contrastate con mezzi leciti e senza infrangere i diritti umani. La maggioranza dei leader presenti, però, non sembra disposta ad avallare questa linea. A differenza di quanto avvenuto negli ultimi decenni, nel vertice-incontro guatemalteco il blocco “bolivariano” è infatti in notevole minoranza. Il Nicaragua avrà infatti il sostegno della delegazione venezuelana, e del presidente boliviano Evo Morales.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

26 marzo 2019

NOTIZIE CORRELATE