Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Aiuti
alle popolazioni di Haiti

· ​Il Papa invia un primo contributo attraverso Cor Unum ·

Un primo contributo di 100.000 dollari per il soccorso alle popolazioni caraibiche — in particolare quelle di Haiti — colpite nei giorni scorsi dall’uragano Matthew, è stato inviato da Papa Francesco tramite il Pontificio Consiglio Cor Unum. 

Distribuzione di aiuti a Jeremie (Epa)

In collaborazione con la nunziatura apostolica, attraverso la Chiesa locale, la somma verrà ripartita tra le diocesi maggiormente provate dalla calamità e sarà impiegata a sostegno delle opere di assistenza a favore degli alluvionati. Si tratta di una prima e immediata espressione concreta dei sentimenti di spirituale vicinanza e paterno incoraggiamento del Pontefice nei confronti delle persone e dei territori colpiti.

Questo contributo si inserisce nella rete di aiuti che si è subito attivata in tutta la Chiesa cattolica e che ha coinvolto diverse conferenze episcopali e numerosi organismi di carità. Caritas Haiti, in collegamento con Caritas Internationalis, ha subito lanciato un primo appello di emergenza per aiuti destinati a 2.700 famiglie (13.500 persone) per l’acquisto e la distribuzione di 2.700 kit alimentari, la fornitura di 2.700 kit d’igiene e l’attivazione di programmi per consigliare e sensibilizzare la popolazione sulla prevenzione delle malattie infettive.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

19 maggio 2019

NOTIZIE CORRELATE