Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Aggiungi un posto a tavola

· Papa Francesco alla mensa del centro industriale ·

Non capita tutti i giorni di poter mangiare alla stessa tavola del Papa. Stamattina è successo a operai e impiegati della Città del Vaticano che abitualmente pranzano alla mensa della zona industriale.

La visita che nessuno poteva immaginare è avvenuta in una mattina di fine luglio, venerdì 25, quando molti dipendenti in servizio si stavano apprestando a consumare il pranzo quotidiano di mezzogiorno. Alcuni già seduti a tavola, altri in coda come ogni giorno davanti ai banconi del self-service, hanno visto entrare l’inatteso ospite, arrivato verso le 12.10.

Tra lo stupore e la sorpresa di tutti, anche Papa Francesco si è messo in fila con il vassoio in mano. «Ha preso fusilli in bianco, una porzione di merluzzo, verdure gratinate e un po’ di patatine fritte. Non ho avuto il coraggio di presentargli il conto» confida ancora emozionata Claudia Di Giacomo, che in quel momento si trovava in servizio dalla cassa.

Subito attorniato dai presenti, il cui numero continuava a crescere col passare del tempo, Papa Francesco ha stretto sorridente molte mani. A tavola si è seduto accanto a cinque magazzinieri della Farmacia vaticana, in polo blu a maniche corte. «Gli abbiamo descritto il nostro lavoro, quanti siamo a farlo e come si svolge. E lui ci ha parlato delle sue origini italiane» spiega uno dei commensali. I suoi colleghi subito aggiungono che hanno parlato anche di calcio — il Pontefice è un tifoso appassionato del San Lorenzo de Almagro, compagine che milita nel campionato argentino — ma anche di economia. Ogni tanto qualcuno si è avvicinato per l’immancabile selfie. Macchine fotografiche, telefonini, tablet, hanno scattato a ripetizione. Papa Francesco per nulla infastidito ha continuato a sorridere e a mangiare, proseguendo la conversazione con i suoi interlocutori.

Alla fine del pranzo, verso le 12.50, il Pontefice si è alzato da tavola e con alcuni operai ha posato per la classica foto ricordo in un clima di grande familiarità. Infine, prima del congedo, ancora uno scatto con il gruppo del personale della mensa sulla soglia d’ingresso. Risalito sull’auto del suo aiutante di camera, Sandro Mariotti, che lo ha accompagnato, Papa Francesco è tornato a Santa Marta.

La visita è durata complessivamente una quarantina minuti. Un tempo breve, ma sufficiente per conoscere un altro angolo del mondo vaticano e delle persone che ci lavorano, dopo che il 9 agosto dello scorso anno si era recato al centro industriale, incontrando falegnami, fabbri, idraulici, elettricisti e dipendenti dell’Osservatore Romano, la cui sede è appunto nel minuscolo quartiere industriale vaticano.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

15 ottobre 2019

NOTIZIE CORRELATE