Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Aggiungi un posto
(in aula)

· Il lavoro nascosto della Floreria ·

È un lavoro discreto, nascosto, quasi invisibile, eppure di grande responsabilità. Perché spetta a loro curare sul piano logistico la preparazione di tutti gli incontri, le udienze e le celebrazioni presiedute dal Papa: non solo di quelle che si svolgono in Vaticano, ma anche di alcune cerimonie che hanno luogo nelle tre basiliche papali romane o nelle parrocchie che ricevono la visita del Pontefice. Se fedeli e pellegrini all’udienza generale del mercoledì possono trovare adeguata sistemazione, è grazie alla loro meticolosa opera di disposizione dei posti. E quando gli appuntamenti papali sono ravvicinati, come avviene proprio in questa Settimana santa, i turni si susseguono serratamente — anche di notte se necessario — perché tutto sia pronto in tempo.

Immagine tratta dal libro  «Les photos secrètes du Vatican»  (Paris, Gründ-Plond, 2017)

Professionalità e disponibilità caratterizzano il lavoro dei dipendenti della Floreria, organismo che affonda le sue radici nella storia della Curia romana. Oltre ai compiti istituzionali legati all’attività del Papa — come spiega all’Osservatore Romano l’ingegnere Paolo Sagretti, floriere e vicedirettore della direzione dei servizi generali del Governatorato dello Stato della Città del Vaticano — essa si occupa anche degli altri avvenimenti che si svolgono nella cornice del Vaticano: tra questi, in particolare, gli incontri e le conferenze organizzate nei Musei vaticani e i concerti nell’Aula Paolo VI, per i quali la preparazione è notevolmente complessa.

La Settimana santa è in assoluto quella con i ritmi di lavoro più intensi, in particolare durante le celebrazioni del triduo. Un po’ meno impegnativo è il tempo natalizio. La Floreria assicura anche «un servizio di assistenza per gli spostamenti della sedia papale e degli sgabelli dell’altare, che vanno messi e tolti varie volte. Per questo compito, ci sono sei uomini in divisa che devono intervenire durante la liturgia». 

di Nicola Gori

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

20 ottobre 2019

NOTIZIE CORRELATE