Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Acqua sporca per un sesto del mondo

· La salute di milioni di persone minacciata dal mancato accesso alle risorse idriche ·

Il libero accesso all’acqua potabile è negato a milioni di persone, con conseguenze drammatiche. L’acqua contaminata, infatti, provoca un milione e mezzo di morti l’anno, costringendo oltre due miliardi e mezzo di individui a vivere senza le condizioni igienico-sanitarie di base. Tra le cause, la scarsità dell’approvvigionamento e l’inquinamento, che privano un sesto della popolazione mondiale di questa fondamentale risorsa.

L’assemblea parlamentare paritetica tra Unione europea e Africa, Caraibi e Pacifico (Acp) — riunita a Budapest — ha sollecitato misure globali per migliorare la situazione igienica, per conservare la foresta pluviale e punire severamente chi inquina l’acqua.

Due le priorità individuate nel corso della riunione svoltasi nella capitale ungherese: garantire l’accesso all’acqua potabile nelle regioni più povere del mondo e identificare la natura e le competenze di una governance mondiale in materia di risorsa idrica. È anche necessario provvedere al miglioramento delle strutture igienico-sanitarie: nei Paesi in via di sviluppo, il 70 per cento dei rifiuti non trattati viene scaricato nelle acque, con conseguente inquinamento idrico. A contaminare sono soprattutto l’industria, l’agricoltura, ma anche le più comuni perdite delle reti fognarie.

Secondo recenti statistiche delle Nazioni Unite, ogni due secondi un bambino muore a causa delle pessime condizioni sanitarie. L’assemblea paritetica ritiene necessario costruire più pozzi nei villaggi e nelle baraccopoli e trovare soluzioni innovative come compresse di cloro per combattere le epidemie — soprattutto il colera — collegate all’inquinamento delle risorse idriche.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

17 ottobre 2019

NOTIZIE CORRELATE