Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

A giugno il referendum sulla Brexit

· L’annuncio di Cameron dopo la trattativa con l’Ue per il riconoscimento di uno statuto speciale ·

Accordo raggiunto nella notte a Bruxelles, dopo una maratona negoziale di oltre 40 ore, tra Londra e il resto dell’Unione europea per scongiurare la Brexit, l’uscita della Gran Bretagna dall’Ue.

Il premier britannico David Cameron (Ansa)

In base all’intesa — il cui impatto politico è ancora tutto da valutare — Londra ottiene uno statuto speciale e il diritto a tenersi fuori da ogni altra integrazione. «Il nuovo statuto consentirà a Londra di contribuire allo sviluppo dell’Europa. Questo accordo non accresce le crepe, ma costruisce ponti», ha dichiarato il presidente della Commissione europea, Jean-Claude Juncker. E il nuovo statuto speciale è stato discusso oggi dal consiglio dei ministri britannico. Al termine della riunione, Cameron ha detto che il referendum sul futuro della Gran Bretagna nell’Unione si terrà il 23 giugno prossimo. Il premier ha annunciato di volere guidare il fronte referendario favorevole alla permanenza di Londra nell’Ue. La strada, però, si annuncia tutta in salita: i sondaggi danno infatti i fautori della Brexit in vantaggio, al momento, di due punti percentuali.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

24 agosto 2019

NOTIZIE CORRELATE