Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Accordo dell’Eurogruppo sulla Grecia

· Varate le misure per l’uscita del paese dal programma di aiuti ·

Il presidente dell’Eurogruppo Mario Centano con il premier greco Alexis Tsipras

Dopo circa otto ore di negoziato, l’Eurogruppo ha raggiunto ieri sera un accordo di principio sull’uscita della Grecia dal programma di aiuti che contiene, tra l’altro, misure per alleggerire il debito. I ministri dell’Eurozona hanno poi deciso che l’ultima tranche di prestiti sarà di 15 miliardi di euro. In base all’accordo, la Grecia può posticipare di dieci anni il pagamento dei 110 miliardi di euro di prestiti ricevuti dal Fondo europeo di stabilità finanziaria, e viene esteso di ulteriori dieci anni il “periodo di grazia”, cioè quello in cui non scattano sanzioni se non si ripaga il prestito. I 15 miliardi della tranche di aiuti finale daranno al Governo una riserva di capitale che coprirà tutti i bisogni finanziari del prossimo anno. La Grecia, afferma il comunicato finale dell’Eurogruppo, «lascia il programma di aiuti con un’economia più forte, ottenuta grazie alle riforme, ed è importante che prosegua nello sforzo di riforma».

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

25 agosto 2019

NOTIZIE CORRELATE