Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Accordi per 250 miliardi di dollari

· Siglati durante l’incontro a Pechino tra Xi Jinping e Donald Trump ·

Donald Trump ha incontrato oggi a Pechino il presidente cinese, Xi Jinping. I due leader hanno assistito nella grande sala del popolo alla firma di contratti del valore di oltre 250 miliardi di dollari. L’ammontare delle intese siglate è comprensivo anche dei nove miliardi di dollari di accordi firmati ieri. «Correggere i rapporti commerciali è un passo prioritario nei rapporti tra Stati Uniti e Cina e bisogna risolvere le distorsioni», ha detto l’inquilino dell Casa Bianca. Durante la campagna elettorale presidenziale, Trump aveva denunciato le «pratiche scorrette» della Cina, causa del deficit commerciale degli Stati Uniti, che vale oltre il 60 per cento dell’intero surplus di Pechino.

Prima della firma degli accordi, il presidente statunitense ha ribadito che le relazioni commerciali con la Cina sono «ingiuste e sbilanciate su un solo lato», ma «di non accusare di questo Pechino», piuttosto i suoi predecessori alla Casa Bianca. Nel loro colloquio, i due presidente hanno anche affrontato la delicata questione nordcoreana. Xi e Trump hanno discusso a lungo su come risolvere la crisi al 38° parallello, provocata dai ripetuti lanci di missili balistici e dai test nucleari.

Il presidente ha esortato la Cina — storica alleata del regime di Pyongyang — a fare di più. «Bisogna agire rapidamente, perché il tempo per risolvere la crisi si sta rapidamente esaurendo», ha detto Trump. La Corea del Nord è «una minaccia per il mondo civilizzato e non dobbiamo commettere gli errori del passato». Xi, dal canto suo, ha confermato l’impegno di Pechino per la denuclearizzazione della penisola coreana attraverso il dialogo. Il viaggio in Asia di Trump — dopo Giappone, Corea del Sud e Cina — prosegue domani nel Vietnam e poi nelle Filippine. A Da Nang (Vietnam centrale), il presidente prenderà parte al vertice annuale dell’Apec, la cooperazione economica dei paesi dell’Asia-Pacifico. A margine di questa riunione si svolgerà l’atteso incontro tra Trump e il presidente russo, Vladimir Putin. Lo hanno confermato oggi fonti del Cremlino.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

24 ottobre 2019

NOTIZIE CORRELATE