Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Per accompagnare le persone

· Discernimento e prudenza secondo sant’Alfonso de Liguori ·

Con il magistero di papa Francesco alcuni grandi temi legati alla lunga tradizione della Chiesa sono divenuti oggetto di rinnovata riflessione in ambito teologico e pastorale. Certamente ritornano alla memoria due termini: misericordia e discernimento. 

Il primo è architrave che deve sorreggere la vita della Chiesa e la sua azione pastorale (Misericordiae vultus, 10). Il secondo, invece, indica l’atteggiamento che i pastori, i teologi, ogni fedele in Cristo, sono chiamati ad assumere e a vivere affinché tra i membri del popolo di Dio prevalga sempre più la logica della misericordia (Amoris laetitia, 312). Per questo motivo, ha detto il Pontefice nel dialogo con i gesuiti del 24 ottobre scorso, «va risvegliata quella grande ricchezza contenuta nella dimensione del discernimento» propria della «grande scolastica» e del «grande san Tommaso». La via del risveglio suggerisce il recupero di un terzo termine, anche questo noto alla tradizione della Chiesa ma forse bisognoso di una nuova comprensione a livello teologico e pastorale. Ci riferiamo alla prudenza, argomento abbondantemente trattato da san Tommaso (Somma teologica, II-II, qq. 47-56) e legato inscindibilmente al tema del discernimento personale e pastorale.

di Antonio Donato

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

25 maggio 2019

NOTIZIE CORRELATE