Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

A tutela dei minori lotta contro gli abusi

· Intervento della Santa Sede al Consiglio dei Diritti dell'Uomo a Ginevra ·

Il 10 marzo, in occasione dell'incontro annuale sui diritti del fanciullo, l'arcivescovo Silvano M. Tomasi, Osservatore Permanente della Santa Sede presso l'Ufficio delle Nazioni Unite ed Istituzioni Specializzate a Ginevra, ha pronunciato, alla XIII sessione ordinaria del Consiglio dei Diritti dell'Uomo, l'intervento di cui pubblichiamo la traduzione italiana.

Presidente,

«l'abuso sessuale sui minori è sempre un crimine odioso». A questa inequivocabile condanna della violenza sessuale contro i bambini e i giovani, il Santo Padre, Papa Benedetto XVI, ha aggiunto la dimensione religiosa, sottolineando che è anche un «grave peccato» che offende Dio e la dignità umana. L'integrità fisica e psicologica del bambino è violata con conseguenze distruttive. Alcuni studi hanno mostrato che i bambini vittime di abuso reagiscono in diversi modi alla violenza sessuale e hanno una maggiore probabilità di andare incontro a gravidanze precoci, di divenire senzatetto, tossicodipendenti e alcolisti. In breve, il male commesso contro questi piccoli spesso li stimmatizza per tutta la vita.

Come sapete, negli ultimi anni, in un certo numero di Paesi, sacerdoti, religiosi e collaboratori laici cattolici sono stati accusati di abuso sessuale e diversi sono stati condannati. Non c'è nessuna giustificazione per un comportamento del genere, che è un grave tradimento della fiducia. In alcuni casi, sono state pagate multe pesanti mentre in altri casi i colpevoli hanno ricevuto condanne a pene detentive. La tutela dall'aggressione sessuale resta prioritaria sull'agenda di tutte le istituzioni ecclesiali mentre si impegnano ad affrontare questo grave problema. Parimenti, misure concrete per garantire trasparenza e assistenza alle vittime e alle loro famiglie sono il modo per alleviare la sofferenza, il dolore e il disorientamento causati dall'abuso avvenuto.

La comunità cattolica prosegue i suoi sforzi per affrontare con determinazione questo problema. Quindi, quanti vengono giudicati colpevoli di questi crimini vengono immediatamente sospesi dall'esercizio del proprio ufficio e vengono trattati secondo le norme del diritto canonico e del diritto civile. Altre misure legali sono state prese per garantire che i bambini e i giovani nelle scuole e in altre istituzioni siano al sicuro. Molte delle misure prese, legali o amministrative, riguardano l'individuazione e la punizione dell'abuso. La prevenzione è la medicina migliore e comincia con l'educazione e la promozione di una cultura di rispetto dei diritti umani e della dignità umana di ogni bambino, in particolare attraverso la realizzazione di metodi efficaci per la scelta del personale scolastico.

L'assemblea potrebbe condividere alcune pratiche migliori che possano aiutare i bambini a riconoscere e a riferire il comportamento scorretto di educatori e assistenti?

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

21 settembre 2019

NOTIZIE CORRELATE