Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

A Ginevra  solo un inizio

· Entro i prossimi sei mesi dovrà essere raggiunta un’intesa definitiva sul nucleare tra il gruppo cinque più uno e Teheran ·

L’accordo è stato firmato: dopo dieci anni di discussioni l’Iran ha accettato nella notte tra sabato e domenica di limitare il suo programma nucleare e di farlo verificare alla comunità internazionale, mentre il gruppo cinque più uno (Stati Uniti, Gran Bretagna, Francia, Russia e Cina,  membri permanenti del Consiglio di sicurezza, più la Germania) ha accettato di allentare le sanzioni imposte a Teheran. L’Unione europea, ha affermato oggi il ministro degli Esteri francese, Laurent Fabius, revocherà alcune sanzioni già dal mese di dicembre.

Teheran ha accettato di interrompere l’arricchimento alle concentrazioni di uranio superiori al 5 per cento e ha anche accettato di neutralizzare, diluendole, le sue riserve di uranio già arricchito al 20 per cento. Ma l’accordo raggiunto a Ginevra scadrà  tra soli sei mesi. In questo arco di tempo, infatti, si dovrà negoziare una difficile intesa definitiva.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

16 luglio 2019

NOTIZIE CORRELATE